cimatrici

Cimatrici: un modo pratico per praticare la cimatura

Disponete di un vigneto e siete alla ricerca di un attrezzo che possa aiutarvi in una delle fasi più importanti e complicate da svolgere, ovvero la cimatura? La cimatura dei vigneti può essere realizzata in tre grandi fasi: si parte da quella pre-florale (utile per ridurre l’antitesi glucidica tra i germogli ed i fiori) si passa poi a quella erbacea (per ridurre l’ingerenza dei germogli e delle femminelle) e si arriva a quella per la maturazione degli acini. In quest’ultimo caso la cimatura ha lo scopo di consentire ai grappoli di ricevere un’abbondante quantità di luce.

Per farvi aiutare in questo lungo processo è bene affidarsi ad attrezzature che permettano di ottenere ottimi risultati riducendo al minimo la vostra fatica: dovete infatti sapere che per effettuare la cimatura manualmente vi servirà un impiego di mano d’opera per almeno 30-40 ore per ettaro. La macchina cimatrice invece riduce i tempi fino a 1-4 ore per ettaro.

Caratteristiche delle macchine cimatrici

In commercio troverete davvero tante tipologie di cimatrici che si suddividono tra macchine bifilari e monofilari, in base alla geometria del taglio. Nel primo caso la macchina cimatrice può operare sui lati contrapposti di due filari adiacenti ottenendo così una produttività doppia rispetto ai secondi, i monofilari. Purtroppo però quando ci si trova a lavorare su un terreno tendente è impossibile usare le macchine bifilari.

Non dovrete sottovalutare però il loro sistema di taglio: in alcuni casi infatti le macchine a barre falcianti usano lame a moto alternativo che sono leggeri ma compatte e mentre uno dei due elementi è fisso, l’altro si muove. In altri casi invece le lame sono mobili e scorrono su una guida a cui sono fissati. Le cimatrici riescono a raggiungere una velocità di avanzamento che non potrà mai essere elevata (circa 2-4 km/h).

cimatrice doppia

E’ bene chiamare in causa però anche quei modelli che presentano coltelli rotanti a forbice, con quattro o più coltelli che rimangono fissi e due ruotano; questi coltelli vanno a creare un effetto di taglio che viene per l’appunto definito a forbice. Il grande vantaggio è dato dalla totale assenza del fenomeno di rigetto della vegetazione e in questo modo si potrà procedere con una velocità leggermente più elevate rispetto alle precedenti.

Ricordate bene che…

E’ vero che si tratta di una tipologia di macchine che potrebbero richiedere una certa esperienza, ma qualora il vostro giardino preveda un’apposita zona dedicata al vigneto potrete anche prendere in considerazione l’idea di affidarvi a questa macchina che è altamente funzionale e vi permetterà di non affaticarvi troppo nelle regolare operazioni di manutenzione delle piante e dei germogli.

Condividi questo articolo