giardino giapponese

Le caratteristiche del Giardino Giapponese

Il giardino giapponese è amato e conosciuto per saper ricreare paesaggi ideali in miniatura, spesso in un modo altamente astratto e stilizzato. Fin dai tempi degli imperatori e nobili, l’obiettivo era quello di andare a ricreare il piacere estetico, mentre nel caso di quei giardini dei templi buddisti si pensava a una creazione utile per favorire la meditazione. Si basa su alcuni principi fondamentali che sono strettamente legati alla cultura giapponese:

  • Profondità;
  • Contrasto;
  • Armonia;
  • Disparità degli elementi;
  • Natura.

Quando parliamo di profondità facciamo riferimento alla prospettiva degli elementi da inserire, così da avere una visione completa dell’orizzonte; il contrasto si basa sulla scelta delle specie di fiori e sui colori. L’armonia è data dalle linee gentili, flessuose e asimmetriche. La disparità degli elementi è legata all’armonia di un giardino e la natura ci porta a pensare che dovranno sempre essere presenti sfumature diverse e ricche, così da avere una visione ambientale che sia variegata ma soprattutto equilibrata.

I principali stili di giardini giapponesi sono:

  • karesansui: di roccia giapponese o giardini zen, dove generalmente si medita e dove la sabbia bianca va a sostituire la presenza dell’acqua;
  • roji: sono semplici e conosciuti per essere giardini rustici;
  • kaiyu-shiki-teien: il visitatore può seguire un percorso per vedere paesaggi accuratamente composti;
  • tsubo-niwa: piccoli giardini che vengono situati in cortile.

Il giardino giapponese è noto per la miniatura di cui sono stati dotati i suoi elementi: dalle siepi alle aiuole, con elementi che spesso troviamo presenti in natura in forme molto più maestose.

giardino giapponese 2

Per molti secolo questi giardini si sono sviluppati grazie all’influenza dei giardini cinesi, ma a poco a poco i progettisti giapponesi hanno voluto liberare la propria creatività dando vita a stili personali che si sono man mano basati sulla cultura giapponese.

Costruire il giardino giapponese?

Dovrete acquistare elementi rocciosi e andare a sistemarli ai confini del giardino in modo da farli apparire come montagne che segnano lo spazio: le montagne lontane per la loro simbologia sono il simbolo di solitudine, mentre se vengono posizionate vicino rappresentano l’unione e la relazione tra esseri umani.

Il suolo dovrà essere pieno di ghiaia che rappresenta l’acqua; a quel punto i viali dovranno essere caratterizzati da linee ondeggianti, e formare zone sparse di muschio sulle sponde di ipotetici laghetti di piccole dimensioni. Per creare il vostro angolo di meditazione dovrete infine andare a predisporre un angolo con delle lanterne di pietra: qui riuscirete a trovare la serenità e la consapevolezza utile per accettare di trovarvi in un luogo lontano dove non verrete disturbati mai dai problemi e dallo stress esterno.

Condividi questo articolo