decespugliatore

Decespugliatori a scoppio o elettrici: scegliere il migliore

Quando si tratta di attrezzi per la cura del giardino il decespugliatore è uno di quelli essenziali, in quanto permette di svolgere diversi compiti. Per un piccolo tappeto erboso può anche essere la soluzione ottimale per tagliare l’erba, anche se occorre avere una certa dimestichezza con l’attrezzo. In commercio ne esistono di due tipi: con motore a scoppio e con motore elettrico. I primi sono i decespugliatori più adatti all’utilizzo professionale e per i giardini di una certa dimensione, mentre i modelli con motore elettrico sono nati inizialmente per soddisfare le esigenze del piccolo hobbista.

Quale decespugliatore preferire

Ad oggi la gamma di decespugliatori disponibile in commercio offre un ampio numero di modelli a scoppio, mentre quelli elettrici, con cavo o con batteria, sono ancora in numero ridotto. Questo perché pur offrendo alcuni evidenti vantaggi, il decespugliatore elettrico generalmente è più costoso rispetto a un decespugliatore a scoppio. Basta vedere il catalogo di decespugliatori Oleomac per comprendere il concetto: i modelli a scoppio sono numerosi, quelli elettrici poco più di un paio. Questi ultimi sono solitamente adatti a chi ha un piccolo giardino e non effettua grandi lavori di manutenzione. I modelli con batteria sono la novità degli ultimi anni, per avere tra le mani un accessorio di tipo professionale è però ancora necessario rivolgersi all’ambito dei decespugliatori a scoppio.

Cosa fa un decespugliatore

Un decespugliatore è un attrezzo da giardino costituito da un piccolo motore cui è collegato un lungo braccio; al termine del braccio è presente una parte rotante, cui si può collegare una lama o, più spesso, un cavo in nylon. Girando rapidamente, il nylon consente di tagliare erba, piccoli arbusti ed erbacee infestanti con grande rapidità ed efficienza. Il classico decespugliatore è munito di una fascia in tessuto, che permetta di poggiare tutto il peso su una spalla; i modelli professionali pensati per lavori prolungati nel tempo possiedono due spallacci, come se si trattasse di uno zaino. Questo consente di munire l’attrezzo di un motore più potente e più grande, senza che questo vada a pesare eccessivamente sulla praticità di utilizzo.

Come si usa il decespugliatore

Per utilizzare al meglio un decespugliatore è importante avere una certa dimestichezza con l’attrezzo; diciamo comunque che sono sufficienti alcuni minuti di utilizzo per ottenere risultati accettabili. In pratica si usa il decespugliatore per tagliare l’erba, per rifinire i bordi del tappeto erboso, per ridurre la presenza di infestanti; per farlo è sufficiente avvicinare la parte rotante al terreno, cercando di mantenere il filo di Nylon o la lama perpendicolare al terreno. Maggiore perizia consente chiaramente di ottenere un’altezza dell’erba perfetta sotto ogni punto di vista. Chiaramente più è ridotta la zona da tagliare e migliori sono i risultati ottenibili, soprattutto alle prime occasioni di utilizzo. I decespugliatori professionali consentono di montare diverse tipologie di filo, così come lame o altri accessori. In questo modo il decespugliatore a scoppio si trasforma in un attrezzo multifunzione.

Meglio un decespugliatore a scoppio o elettrico?

Rispondere a questa domanda non è possibile, non tanto perché le due tipologie di decespugliatore non abbiano differenze sostanziali, quanto piuttosto per il fatto che ogni utilizzatore ha esigenze specifiche. Un decespugliatore elettrico, come abbiamo già detto, è ideale per piccoli giardini, anche se è spesso necessario avere a disposizione una prolunga, che consenta di raggiungere tutte le zone in cui operare. Con i modelli a batteria si risolve alla radice questo problema, anche se oggi sono solitamente più costosi rispetto ai modelli con cavo. I decespugliatori a scoppio sono perfetti anche per grandi giardini, soprattutto i modelli con motore più potente.

Vota questo articolo!

Share this post